CONFARTIGIANATO IMPRESE BRESCIA E LOMBARDIA ORIENTALE
Rappresentanza - assistenza - servizi per imprese e persone

News

Transizione 4.0: prorogati al 2025 i crediti d’imposta

La Legge di Bilancio 2022 ha disposto la stabilizzazione fino al 31 dicembre 2025 del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo, innovazione e design e per gli investimenti in beni strumentali e beni immateriali “Transizione 4.0”.

Credito d’imposta per beni strumentali e immateriali nuovi “Transizione 4.0”

Beni materiali 4.0 (indicati nell’allegato A alla legge n. 232-2016):
a decorrere dal 1° gennaio 2023 e fino al 31 dicembre 2025 (ovvero entro il 30 giugno 2026 a condizione che entro la data del 31 dicembre 2025 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione):
• 20% del costo per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro (fino al 31 dicembre 2022, ovvero entro il 30 giugno 2023, la percentuale per tali investimenti è del 40%);
• 10% del costo per la quota di investimenti superiori a 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro (fino al 31 dicembre 2022, ovvero entro il 30 giugno 2023, la percentuale per tali investimenti è del 20 %);
• 5% del costo per la quota di investimenti superiori a 10 milioni di euro e fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro (fino al 31 dicembre 2022, ovvero entro il 30 giugno 2023, la percentuale per tali investimenti è del 10%).

E’ necessaria una perizia asseverata/attestazione di conformità da cui risulti che i beni possiedono le caratteristiche tecniche previste e la relativa interconnessione al sistema aziendale. Per i beni fino a 300.000 euro la perizia può essere sostituita da una dichiarazione resa dal legale rappresentante.

Le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni dei commi da 1054 a 1058 – ter dell’art.1 della Legge 178 del 30 dicembre 2020 come modificata dalla legge 234/2021 Art.1, comma 44.

Beni immateriali 4.0 (indicati nell’allegato B alla legge n. 232-2016):
Fino al 31 dicembre 2022 (ovvero entro il 30 giugno 2023 a condizione che entro il del 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20%) il credito d’imposta associato a tali beni (inclusi software 4.0) è pari al 20% del costo con un massimale di 1 milione di euro. Sono previste invece con la proroga le seguenti aliquote decrescenti:
• 20% del costo per il 2023;
• 15% del costo per il 2024;
• 10% costo per il 2025.

E’ necessaria anche in questo caso una perizia asseverata/attestazione di conformità da cui risulti che i beni possiedono le caratteristiche tecniche previste e la relativa interconnessione al sistema aziendale. Per i beni fino a 300.000 euro la perizia può essere sostituita da una dichiarazione resa dal legale rappresentante.

Le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni dei commi da 1054 a 1058 – ter dell’art.1 della Legge 178 del 30 dicembre 2020 come modificata dalla legge 234/2021 Art.1, comma 44.

Beni generici – materiali e immateriali nuovi (NON 4.0):
Non è prevista alcuna proroga per questa misura che andrà ad esaurirsi nel 2022.
Il credito d’imposta in questo caso è pari al 6% per i beni acquistati tra il 1 gennaio 2022 e 31 dicembre 2022 fino a 2 milioni di euro (1 milione di euro per beni immateriali non 4.0).

Credito d’imposta Ricerca & Sviluppo
Confermato sino al 2031 ma dal 2023 il bonus sarà riconosciuto nella misura del 10%, con massimale a 5 milioni di euro (rispetto agli attuali 4 milioni).

Credito di imposta per le attività di innovazione tecnologica e il credito d’imposta per design e ideazione estetica
Fino al 2023 resteranno al 10%, nel limite massimo di 2 milioni. Nel 2024 e 2025, saranno ridotti al 5%, nel limite massimo di 2 milioni.

Credito di imposta per innovazione digitale 4.0 e transizione ecologica
Fino al 2022 pari al 15%, con limite di 2 milioni. Nel 2023 pari al 10%, con limite di 4 milioni; nel 2024 e nel 2025, pari al 5%, con un limite annuale di 4 milioni.

Credito di imposta formazione 4.0
Nessuna proroga alla scadenza fissata al 31 dicembre 2022.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Per informazioni:

Area Sviluppo Associativo

Tel: 030 3745.284

newsletter

Iscriviti alla newsletter!

Per rimanere aggiornato su tutte le nostre news.

Vuoi scoprire come migliorare la tua connettività con il tuo voucher internet?