Meccatronica: proroga di cinque anni dei termini per la regolarizzazione

Pubblicata il 19 gennaio 2018

Confartigianato informa che con la Legge di Bilancio 2018, anche grazie all’azione svolta dalla nostra Organizzazione ai tavoli di Governo, è stato prorogato al 4 gennaio 2023 il termine per la regolarizzazione alla sezione meccatronica, inizialmente previsto per il 4 gennaio 2018 (per approfondire clicca qui).
La finalità della proroga non è quella di agevolare le imprese in ritardo con l’adeguamento ai requisiti, bensì di sollecitare le Istituzioni a colmare tutte quelle lacune attuative della norma che si sono riversate ingiustamente sulle imprese associate, ostacolate sostanzialmente ad adeguare la propria abilitazione professionale.
Finora era stato contemplato e parzialmente attuato solo ed esclusivamente lo standard formativo per i meccatronici, ma era rimasto incompiuto il profilo formativo per i carrozzieri e per i gommisti che adesso viene invece coerentemente considerato nell’ambito della Legge n. 224/12, estendendo conseguentemente gli effetti del regime transitorio.
La proroga vale per le imprese già in attività alla data di entrata in vigore della Legge n. 224/12 (05/01/2013), mentre le nuove imprese si devono ovviamente abilitare secondo i requisiti previsti dalla Legge n. 122/92. Pertanto, i corsi regionali di qualificazione saranno immediatamente abilitanti solo per le imprese già in attività, mentre per le nuove imprese sarà obbligatorio, dopo la frequentazione del corso, maturare l’anno di esperienza presso un’azienda abilitata.
È stato quindi raggiunto un importante risultato per tutelare l’operatività degli autoriparatori, finalizzato proprio ad assicurare che, entro i termini della proroga, si vengano a creare tutte quelle condizioni previste dal legislatore per consentire alle imprese l’effettivo accesso ai requisiti di abilitazione per l’esercizio dell’attività.

L’ufficio iscrizioni di Confartigianato resta a disposizione per qualsiasi chiarimento (Tel. 030/3745290).